Il Programma
Il Manifesto
Dove Mangiare
Il Salame d'oca IGP
I prodotti d'oca
La mostra del palmipede
Il Consorzio di Tutela

Il Comitato Sagra
Il Palio
La Sfilata
Gli Sbandieratori
La Corte
Le Contrade
Il Magistrato
Il Concorso Vetrine
Il Premio di Poesia
Il Concorso di Fotografia

Come raggiungerci

Home

foto grande...




Il salame d'oca di Mortara ha ottenuto il marchio europeo di "Indicazione geografica protetta" nel 2004 grazie all'impegno del Consorzio di Tutela del Salame d'Oca di Mortara. Vi hanno fatto parte, negli anni, i produttori del salame d'oca di Mortara, Vigevano e Lomellina. Il Consorzio e' stato costituito nel 1998 proprio per ottenere il marchio di salvaguardia del prodotto. Il Consorzio, pero', ha la stessa eta' della sagra. Fin dopo la prima edizione del 1967 tutti i salumieri si erano riuniti per la difesa del salame, avevano fin da allora previsto le principali caratteristiche di produzione e le avevano disciplinate presso i consorzisti aderenti. Inoltre avevano chiesto e ottenuto la registrazione di un marchio brevettato. Oggi del Consorzio di tutela fanno parte il presidente (neo eletto) Franco Tolasi della Salumeria Nicolino di Mortara; il vice presidente Davide Caserio (La Fattoria, di Vigevano); i mortaresi Gioachino Palestro (Corte dell'Oca, presidente uscente), Davide Gallina (L'oca di Sant'Albino), Eugenio Guarnaschelli (Salumeria Guarnaschelli) e il vigevanese Italo Bertoni (Salumificio Bertoni). Segretario del Consorzio e' Fabio Boggiani, funzionario dell'Associazione Commercianti di Mortara. «Da quest'anno tutti i consorzisti hanno aderito alla filiera, al fine di ottenere una produzione di salame d'oca a Indicazione Geografica Protetta» spiega Boggiani. E il presidente Tolasi aggiunge: «La sagra del salame d'oca ha dei tempi e un programma ben definito. Nel prossimo futuro cercheremo di sviluppare maggiormente la nostra presenza sui social e sul web e andremo a sondare la possibilita' di sinergia con gli altri consorzi presenti in provincia di Pavia, sempre partendo dal presupposto che la nostra missione e' quella di tutelare il salame d'oca e di farlo conoscere sempre piu', in provincia e fuori».